Loveyourpix Social Network

Social network: Loveyourpix, l’evoluzione del photo contest.

Nel novembre del 2012 ho intervistato Marco Govoni, ideatore del social network fotografico Adoroletuefoto.it. A distanza di un anno e mezzo l’ho incontrato di nuovo per fare il punto della situazione. Il risultato è questo interessante racconto, che dovrebbe convincere chi desidera creare nuovi social network della necessità di un buon piano di sviluppo che non lascia spazio all’improvvisazione.

Marco Bortolotti: Ciao Marco, ci eravamo lasciati, più o meno un anno e mezzo fa, con la promessa di un nuovo progetto che avrebbe fatto seguito a sito di web contest fotografico adoroletuefoto.it (intervista completa qui).

Marco Govoni: Sì, lo ricordo bene. Era la fine di novembre del 2012. La community di adoroletuefoto.it, una community di contest fotografici per foto amatori, continuava ad espandersi. C’era però qualcosa che non andava. La velocità di crescita non era quella voluta, e soprattutto c’erano alcuni aspetti che volevamo modificare, in quanto i feedback degli utenti erano chiari: alcune cose funzionavano, altre no (ascoltare i propri utenti è fondamentale per qualsiasi attività…).

MB: Assolutamente d’accordo!

MG: Nello stesso momento, grazie all’attività di promozione e comunicazione fatta durante l’anno precedente, ci contatta un imprenditore, appassionato di fotografia, al quale piace il progetto. Dopo alcuni mesi la decisione è presa: ad aprile 2013, nasce Loveyourpix. Una startup a tutti gli effetti: abbiamo un piano di sviluppo, degli obiettivi, allarghiamo il team, decidiamo “chi fa cosa”, attiviamo i contatti con fornitori e partner e prepariamo il piano di investimento che dobbiamo – autonomamente – fare. Come si dice in gergo, “bootstrappiamo”.

MB: Un passo importante. In cosa consiste Loveyourpix?

MG: Loveyourpix è una piattaforma di contest fotografici ed un marketplace di stampe FineArt. Per ora. Contest fotografici per divertimento, per tutti gli appassionati che vogliono sfidarsi, ma anche uno strumento innovativo di comunicazione per aziende e brand che possono promuovere i loro prodotti in un ambiente completamente personalizzabile, con tassi di click-thru molto elevati. Il tutto in outsourcing: anche tutta la parte legale derivante dall’utilizzo delle immagini viene gestita da Loveyourpix.

MB: Ho visto che ci sono nuove aree interessanti, che non erano presenti su Adoroletuefoto.

MG: Sì, siamo molto orgogliosi del servizio FineArt marketplace: chiunque, professionista o non, può stampare le proprie immagini su prodotti FineArt, completamente realizzati a mano in Italia. In pratica, Loveyourpix trasforma le immagini in opere d’arte. Il fotografo può quindi stampare una propria foto e ricevere a casa un prodotto di qualità museale, con tanto di certificato elettronico per le Limited Edition. Ma non finisce qui: la cosa più interessante – una novità assoluta – è che gli utenti possono vendere le proprie stampe in tutto il mondo – in pratica hanno un “negozio personale” – decidendo sia il loro margine che il prezzo finale di vendita, oltre che l’eventuale Limited Edition.

MB: Un progetto sicuramente molto corposo. Immagino che il lavoro necessario sia stato notevole.

MG: La realizzazione di tutto questo ha comportato moltissimi sforzi. Siamo online da novembre 2013, ma in realtà la piattaforma è stata ultimata e corretta solo ora.

MB: Quali sono stati i principali elementi costitutivi del progetto?

MG: Abbiamo deciso, considerato il nostro mercato di riferimento, di investire principalmente su tre linee:
– sviluppo della piattaforma;
– gestione delle Terms&Conditions & PrivacyPolicy– che sono un nostro asset, in quanto la tutela delle immagini del fotografo è una nostra priorità;
– infrastruttura hardware: per cercare di avere bassi costi di gestione, abbiamo “snobbato” i sistemi cloud tradizionali, e abbiamo investito in un nostro sistema proprietario.

MB: Ho visto, nel sito, che sono molte le persone e le partnership coinvolte. E mi sembra inevitabile, considerato lo sforzo tecnico e industriale. Cosa succede ora, dal punto di vista commerciale?

MG: Il nostro piano è preciso: in questa prima fase stiamo iniziando a contattare partner con i quali sviluppare business, e al contempo dobbiamo validare ciò che abbiamo messo in campo. L’Europa e i paesi dell’est sono il nostro primo target. Stiamo creando una rete di contatti con i fotografi utilizzando – oltre che Facebook – anche social network diversi, tipo Linkedin e Vk.com.

MB: Davvero interessante. Sviluppi futuri?

MG: Abbiamo in campo altre idee, ma… ne parleremo la prossima volta!

MB: Grazie Marco. In bocca al lupo!

MG: Crepi. Con tutto il rispetto per i lupi…
Consulente web Bologna

Potrebbe interessarti anche...

Un’altra Magnifica Idea per un Social Network nuovissimo Arriva una telefonata: - Buongiorno, sono Egidio Mastropopoli (nome inventato, si capiva? - ndr). Lei si occupa di Social Network? - Sì, be', di...
Social Media Marketing: 7 tendenze dei Social Network per il 2014 Il noto periodico economico Forbes ha pubblicato un articolo di Jayson Demers dedicato al Social Media Marketing, elencando sette previsioni che, seco...
L’affidabilità delle notizie in Rete e la biblioteca di Babele... Immagine tratta da www.lingue.uniba.it/plat/ Oggi tutti possono scrivere, pubblicare, diffondere notizie vere o inventate, su blog, social network...