Exact Match Domain e SEO: i domini magici sono a rischio?

Gli Exact Match Domain sono i domini corrispondenti alle keyword. Come funzionano? Soprattutto: funzionano ancora?

Exact Match DomainUn dominio che corrisponde esattamente ad una keyword – come ConsulenzeWebMarketing.it o, genericamente, NomeProdotto.com – è ancora il miglior modo per farsi trovare su Google per una certa parola chiave. Chi desidera che il proprio sito arrivi in prima pagina di Google con una certa ricerca può dunque registrare un dominio corrispondente a quella parola chiave sapendo che avrà maggiori possibilità di riuscita. Un dominio corrispondente ad una keyword ha il nome di EXACT MATCH DOMAIN (EMD). Ecco però i problemi che il sistema oggi comporta.

  • Un Exact Match Domain funziona bene per la singola keyword, ma non per altre. Non comporta vantaggi particolari per keyword diverse da quelle del dominio stesso. Idealmente, occorrerebbe dunque creare un sito diverso, con un dominio diverso, per ciascuna keyword per noi importante.
  • Un Exact Match Domain funziona meglio se ha la desinenza locale del paese a cui si rivolge (es.: .ES per la Spagna, .DE per la Germania…). Occorrerebbe dunque registrare un dominio “Exact Match” per ogni Paese a cui ci si rivolge, con realizzazione di sito in lingua, ecc.
  • Ad ottobre, Matt Cutts, il responsabile dello sviluppo degli algoritmi di Google, lancia il seguente Tweet:

Exact Match Domain Matt Cutts Twitter

Questo “Small change” all’algoritmo di Google comporterà penalizzazioni per gli EMD. Per ora i siti penalizzati sono meno dell’1% e si trovano soprattutto in USA, ma la novità è già arrivata anche qui e ho già sentito di siti con problemi dovuti all’Exact Match Domain.

Io stesso sono leggermente preoccupato, avendo un blog con il dominio “Exact MatchConsulenzeWebMarketing.it. Ho però il vantaggio di avere chiamato così la mia azienda, con registrazione sia alla Camera di Commercio sia (soprattutto) su Google Places. Essendo un “nome proprio” di un’azienda, in virtù di quell’aggettivo (low-quality) nel messaggio di Matt Cutts, è probabile che non venga considerato “spam”.

La decisione da prendere oggi è la seguente: approfittiamo della forza di posizionamento di un EMD finché dura? Oppure ci prepariamo da subito a fare a meno del “trucchetto”?

Non è una decisione facile. Per avere maggiori possibilità di ottenere risultati in tempi brevi, il dominio corrispondente alla nostra keyword principale può essere la strada giusta da prendere. Si rischia, però, di vedere vanificati i nostri sforzi e di perdere un buon posizionamento entro breve tempo, quando il cambiamento all’algoritmo di Google sarà a regime.

Per questo motivo, e per gli altri espressi precedentemente, io consiglierei la seconda strada. Ci vuole più pazienza e i risultati potranno arrivare con maggiore difficoltà. Forse si avranno maggiori soddisfazioni con keyword secondarie (“long tail“) invece che con la parola chiave sperata. Ma i risultati, una volta ottenuti, saranno di lunga durata e il nostro sudato posizionamento su Google durerà nel tempo.

Dunque: pensateci!
E ditemi: qualcuno di voi ha avuto problemi riconducibili ad un Exact Match Domain?

Potrebbe interessarti anche...

Come scrivere un titolo efficace per i motori di ricerca (e per i po... I titoli delle pagine del tuo sito sono importanti almeno per due motivi: spiegano al visitatore di cosa parla la tua pagina e spiegano al motore di r...
Separare il Blog dal Sito è una buona idea per il posizionamento sui... Separare il blog dal sito istituzionale potrebbe aiutare il posizionamento sui motori di ricerca. Può però essere una scelta anche molto sbagliata, in...
WordPress SEO – Il semaforo di Yoast e il posizionamento sui m... Chi utilizza WordPress, come me, per gestire i contenuti del proprio sito web, o del blog, si sarà probabilmente imbattuto nel famoso plugin WordPress...