Davvero Incredibile! Guardate cosa è successo al ragazzo!

Pazzesco! Si apre una voragine proprio di fronte a questi ragazzini che giocano a palla e uno di loro…

Se siete arrivati qui, forse avete cliccato sul mio post di Facebook intitolato “Davvero Incredibile! Guardate cosa è successo al ragazzo!”. Se così fosse, leggete questo articolo: è tutto per voi.

Facebook e le cose davvero incredibili

Ne avrete visti tanti, di post fatti così. C’è un titolo, che deve attirare l’attenzione e suscitare la nostra curiosità, che contiene parole come “incredibile”, “pazzesco”, “da non credere”, ecc. Un sottotitolo che non spiega nulla, ma insiste sulla stranezza della situazione: “come ha fatto a sopravvivere…?”, “davvero un miracolo che…”, “guardate cosa è successo a questo ragazzo…”.

Generalmente questi post sono corredati di un’immagine con il classico triangolo “Play” dei video. In questo modo invogliano le persone a cliccarci sopra e far partire un video che, in realtà, non si apre. Si viene invece reindirizzati ad una pagina esterna a Facebook dove – quando va bene – è possibile guardare un video, oppure – quando non va bene – non c’è neppure quello, ma solo pubblicità e altri articoli dello stesso genere (nel caso la vostra curiosità non avesse confini). Quando va malissimo, le pagine di destinazione contengono malware (“virus”, per semplificare). Quasi sempre contengono un cookie e un codice di remarketing che permettono di riproporvi altra pubblicità e di perseguitarvi con messaggi non sempre graditi.

Abbiamo dunque capito che i post di Facebook intitolati in quel modo sono in qualche modo truffaldini e non mostrano nulla di davvero esaltante, pazzesco o incredibile. L’unica cosa incredibile è che ci siano ancora così tante persone che ci cascano. Se siete arrivati qui cliccando sul mio post su Facebook, spiace dirlo, siete tra queste.

Siete tra quelli che credono che sia stato trovato un modo per sconfiggere il cancro che nessuno vuole rivelare e che è segretissimo (ma stranamente quelli che pubblicano il post ne sono venuti a conoscenza, probabilmente attraverso contatti diretti con Obama o il Papa).

La bufala del Calamaro Gigante

La bufala del Calamaro Gigante

O siete tra quelli che credono alle scie chimiche.
Ai complotti segreti sempre e ovunque.
Ai chip nel cervello.
Al fatto che si debba leccare la matita prima di votare altrimenti il voto non è valido.
Al fatto che ogni italiano dovrà forzatamente ospitare 7 immigrati dal 2015 (giuro: è una notizia che gira)
Al metodo dell’uovo sul parabrezza per rubare un’auto.
Al calamaro gigante.
All’imminente ritorno alla lira.
Alla finta morte di Michael Jackson.
A quello strano animale mitologicamente informatissimo chiamato Rete.
E a tante altre cose.

Niente paura: non dovete vergognarvi. Capita a tanti. Questo articoletto serve, in fondo, a mettervi sull’avviso.

Prima di cliccare su un post di Facebook che promette rivelazioni incredibili, mi raccomando: pensateci bene. E lasciate il vostro commento qui sotto, se ne avete voglia. Il vostro parere mi interessa molto.

 

Potrebbe interessarti anche...

Dimensioni delle immagini sulle Pagine Facebook Le pagine Facebook permettono l'inserimento di vari tipi di immagini. Ma quali sono le dimensioni accettate? Oggi pubblico un veloce post comprendent...
QTGC: Qualsiasi Tizio Generated Content. Il pericolo dei contenuti g... Cos'è il QTGC? La sigla significa Qualsiasi Tizio Generated Content. Non credo che esistesse prima di oggi. Me lo sono inventato. Ora spiego. La pr...
Come rispondere a una recensione negativa su Facebook Prima o poi capiterà anche a te. Qualcuno scriverà una recensione negativa della tua azienda su Facebook. Il primo impulso sarà quello di mandare il r...